Pagine

22 maggio 2017

CROSTATA DI RISO

Questa crostata che ho vista da lei e mille volte mi sono detta “devo provarla”…ecco penso sia arrivato il momento per condividerla con voi. Lei è bravissima in cucina e mi piacce un sacco la semplicità con cui racconta le sue ricette….e questa non è che una delle tante che ho intenzione di provare.
Della sua ricetta non ho cambiato nulla…strano?...infatti non è da me ed ecco perché comunque ci ho aggiunto delle gocce di cioccolato fondente!!!!
Io ho preferito chiamarla crostata per il semplice fatto che ha una "crosta" esterna che contiene il morbido ripieno in questo caso fatto di riso e cioccolato.




CROSTATA DI RISO

Vale a dire:
per uno stampo diam.20
150 gr di farina di riso
250 gr di zucchero (io solo 200 gr)
100 gr di burro
3 uova
8 gr di lievito per dolci
la buccia grattugiata di ½ limone
100 gr di riso vialone nano (io Roma)
500 ml di latte
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
zucchero a velo x decorare

In un tegamino mettere a bollire il latte con l’estratto di vaniglia ed il pizzico di sale. Quando bolle aggiungere il riso e cuocere per 20 minuti e comunque finchè non il riso non avrà assorbito tutto il latte. Inserire a questo punto un cucchiaio di burro preso dal totale.
Lasciare raffreddare.
Separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve ferma.
Montare in una terrina il burro morbido con 150 gr di zucchero, la buccia grattugiata del limone, la farina di riso ed il lievito. Mescolare bene prima di incorporare gli albumi delicatamente per evitare di smontarli troppo fino ad ottenere una pastella densa.
A parte montare gli albumi con lo zucchero rimasto ed unire il riso freddo.
Foderare una teglia con carta forno e versare come base il composto di farina ed albumi, livellarlo bene foderando anche le pareti.
Al centro versare il composto di riso.
Forno preriscaldato a 160° e cuocere per 80 minuti.
Sfornare, far raffreddare e servire con una bella spolverata di zucchero a velo

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci



15 maggio 2017

PANCAKES ZUCCHINE E STRACCHINO

 Inizia anche per questo anno la stagione delle zucchine in orto. Partiamo con uno sfizietto che si può gustare come antipasto o come piatto unico servito con una bella insalata mista.
Se li servite ancora caldi fate attenzione allo stracchio che colerà al primo morso!!!


PANCAKES DI ZUCCHINE E STRACCHINO

Vale a dire:
2 zucchine
200 g di farina 00
2 cucchiaini di lievito per torte salate
 2 uova
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
180-200 g di latte intero (dipende dalla farina)
sale q.b.
pepe q.b.
1 panetto di stracchino

Lavate le zucchine e grattugiatele a julienne
Soffriggere le zucchine qualche minuto in un goccio d'olio e regolare di sale e pepe. Mentre raffredderranno preparare la pastella per i pancakes.
In una ciotola mettete gli ingredienti secchi: farina, lievito, sale, pepe e formaggio grattugiato.
Aggiungere le uova ed il latte mescolando bene per non avere grumi prima di inserire le zucchine.
Scaldate una padella antiaderente a fuoco basso, versate due cucchiai rasi di composto, allargatelo leggermente con il dorso del cucchiaio e inserite al centro un cucchiaino abbondante di stracchino, copritela per bene con un altro cucchiaio di composto e fate cuocere.
Quando inizieranno a formarsi delle bollicine (occorreranno un paio di minuti) giratelo delicatamente con una spatola e cuocete dall’altro lato.
Quando sarà dorato toglietelo dalla padella e adagiatelo su un piatto da portata. Continuate così fino ad esaurimento degli ingredienti.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci
















8 maggio 2017

COUS COUS DI MAIS CON VERDURE AL CURRY

Ho trovato questo cous cous di mais al supermercato e la curiosità di assaggiarlo è stata più forte di me…
Effettivamente ha proprio il retrogusto della polenta!!!!! Buonissimo….ora non potrà più mancare nella mia dispensa. In più essendo sempre della Pedon la preparazione è davvero velocissima, 5 minuti ed il pranzo è pronto!!!!!
Nella mia “alimentazione controllata” il cous cous è contemplato e visto che a pari peso della pasta il rendimento è molto maggiore, lo preferisco alla grande.
Quindi le dosi di questa ricetta sono per una persona (io me!!!)….


COUS COUS DI MAIS CON VERDURE AL CURRY

Vale a dire:
60 gr di cous cous di mais precotto Pedon
60 gr di acqua salata bollente
2 cucchiai d’olio
1 finocchio
2 carote
4 pomodori piccadilli
olive taggiasche
formaggio feta
foglie di menta
1 cucchiaino abbondante di curry inglese (io lo preferisco perché un po’ piccantino!!!)

Nel wok o in una padella mettere un goccio d’olio e i finocchi e le carote lavati e tagliati a fettine. Salare leggermente e cuocere per qualche minuto (le verdure devono restare croccanti).
Sciogliere il curry in un goccio d’acqua ed aggiungerlo alle verdure.
Inserire anche i pomodori tagliati a spicchi e le olive.
Spegnere ed intanto preparare il cous cous
In una terrina mettere il cous cous di mais, mescolare con l’olio e coprire con l’acqua (un po’ alla volta) e mescolare con una forchetta per sgranarlo bene.
Quando i cous cous sarà ben idratato farcire con le verdure saltate, la feta tagliata a cubettini ed una bella spolverata di menta fresca spezzettata.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci

Con questa ricetta partecipo al contest "In forma con gusto"

2 maggio 2017

PANE BIANCO CON BURRO SENZA IMPASTO

Ho provato vari tipi di pane, alcuni elaborati, altri meno, ho provato a fare il pane a mano ed il pane nella macchina del pane, ma alla fine mi richiedono sempre lo stesso, quello senza impasto….
Poco lavoro, grande resa…ottimo risultato



PANE BIANCO CON BURRO SENZA IMPASTO

Vale a dire:
500 gr di farina per pane
380 gr di acqua
50 gr di burro (mi era avanzato in frigo)
5 gr di lievito di birra fresco
10 gr di sale

farina di semola rimacinata per spolverare

In una terrina mettere l’acqua ed il lievito. Versare la farina e con una forchetta dare un paio di giri prima di inserire il sale ed il burro sciolto, ma freddo. Mescolare grossolanamente prima di coprire con pellicola e lasciare lievitare per 6-8 ore.
Spolverare il piano di lavoro con farina di semola, versare l’impasto e dare un paio di giri a tre all’impasto.
Spolverare anche un canovaccio (possibilmente che non sia stato lavato col detersivo altrimenti altererà il gusto del pane) con la farina di semola, mettere l’impasto con la chiusura verso l’alto, avvolgere ben stretto il canovaccio e lasciare lievitare 45 minuti circa.
Nel frattempo scaldare il forno 250° con dentro la pentola ed il suo coperchio dove poi cuocerete il pane (possibilmente in ghisa o acciaio).
Mettere l’impasto nella pentola rimettere in forno e cuocere a 200°-210° per 40 minuti col tegame chiuso poi 5-10 minuti togliendo il coperchio.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci



26 aprile 2017

SEMPLICISSIME BRIOCHES

Lo so che ultimamente sono un po' latitante dal blog, ma appena posso lo avrete visto pubblico qualcosina e comunque passo sempre a curiosarvi ed a lasciarvi un salutino....
Queste brioche non le ho preparate oggi, ma il tempo corre troppo veloce ed erano rimaste impigliate nelle maglie della fretta....ora credo sia arrivato il momento di sfornarle, altrimenti tra un po si mettono a riposo i forni e me le dimentico definitivamente....
Per cui diamoci da fare e via con gli ingredienti




 BRIOCHE SEMPLICI
Vale a dire:
500 gr farina Manitoba
270 gr di latte
1 uovo + 1 albume per spennelare
40 gr di strutto
100 gr di zucchero
1 cucchiaino di sale
12 gr di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
granella di zucchero
zucchero a velo

Nella ciotola della planetaria versare il latte (a temperatura ambiente) ed aggiungere il lievito di birra sbriciolato e lo zucchero. Azionare il gancio K e fare andare per qualche istante prima di aggiungere metà farina e l'uovo.
Alla restante farina aggiungere il sale prima di inserirla nella planetaria.
Lasciare impastare bene rigirando un paio di volte l'impasto in modo che si impasti uniformemente.
Sostituire il gancio K con quello ad uncino e lentamente inserire lo strutto e l'estratto di vaniglia versarlo a filo.
Lasciare andare la planetaria finchè non si sarà ottenuto un panetto omogeneo.
Mettere a lievitare coperto con pellicola fino al raddoppio dell'impasto.
Dividere l'impasto in due parti stenderle con un matarello a cerchio e tagliare 8 spicchi. Chiuderli dando la classica forma di cornetto e metterli su una teglia foderata di farta forno con la chiusura verso il basso e coprire con pellicola.
Lasciare lievitare per 30-40 minuti il tempo di portare il forno alla giusta temperatura di 200°.
Trascorso il tempo spennellare con il tuorlo ed un goccio di latte, spolverare con zucchero in granella ed abbondante zucchero a velo.
Via in forno portando la temperatura a 180° per 15 minuti(ovviamente controllate che non scuriscano troppo o che non siano ancora pallidi prima di sfornarli!!!
Lasciate raffreddare su una griglia prima di spolverarli ancora con zucchero a velo

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci






20 aprile 2017

SANO REGIME ALIMENTARE: RISO CON VERDURE, PINOLI E ZESTE DI LIMONE

Non mi piace mai parlare di dieta, normalmente preferisco il termine "regime alimentare ridotto", questo perchè non credo che per dimagrire bisogna per forza associare la parola dieta a rinunciare al cibo buono e che ci appaga. Certo alcuni cibi devono essere per un po' allontanati, ma mica si vive solo di nutella!
Certo esistono persone che possono mangiare davvero di tutto e non mettono su un etto ed altre che solo guardandolo il cibo ne assimilano le calorie, ma questi sono discorsi troppo ampi....io mi limito nel mio piccolo.
Credo che quando si è a "regime alimentare ridotto" bisogna comunque trovare nel piatto cibi che gratifichino l'occhio e lo stomaco....a me sinceramente una barretta o un bicchiere di quegli intrugli che si trovano nei supermercati/farmacie, mi mettono tristezza, a quel punto una bella insalatona strapiena di verdura, un po' di tonno al naturale, olive, capperi e cetriolini mi rende più felice....
Allora corro a cucinarmi un po' di verdura ho già qualche idea per un paio di pranzetti leggeri...
Ecco un'idea che si può adattare anche a del riso avanzato o ad altre verdure.


RISO CON VERDURE, PINOLI E ZESTE DI LIMONE

Vale a dire per 1 persona:
60 gr di riso a chicco lungo
spinaci lessi
carote grigliate
olive taggiasche
pinoli tostati
scorza di limone

Lessare il riso in abbondante acqua salata e con un goccio di olio.
Scolarlo.
A questo punto potete mescolare direttamente tutto assieme oppure come me fare una torretta usando un coppa pasta per aiutarvi a preparare la torretta.
Nella base le carote che grigliate, il riso, gli spinaci lessi, le olive taggiasche, i pinoli tostati e la scorza di limone che darà al piatto un po’ di freschezza.
Per chi vuole un goccio d’olio ci starà benissimo.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci

Con questa ricetta partecipo al contest "In forma con gusto"

11 aprile 2017

COLOMBA SALATA ED E' GIA' PASQUA

Anno di cambiamenti, anno strano, anno alternativo...ma di certo anno iniziato finalmente col ritrovare me stessa!!!
E quindi non volevo partire come al solito con la solita colomba o fugassa, avevo voglia di qualcosa di diverso, ma come ultimamente mi succede (e vi dirò per certi versi sono anche molto contenta!!!) il tempo mi fugge dalle mani...ieri era San Valentino, mi giro un attimo e siamo già a Pasqua!!!!
Non voglio stressarvi troppo, per cui vi dico subito che rimescolando le ricette che volevo prima o poi provare ho estratto questa bella colomba salata.
Qualcuno dirà che non c'entra molto con la Pasqua fatta di zucchero e uova, ma se il detto dice "Natale coi tuoi, Pasqua con chi vuoi"....lo potrò adattare anche in cucina e dire "...Pasqua quello che vuoi"?
Dovete andare dal Ely per vedere la ricetta originale, qui vi segno direttamente le mie piccolissime modifiche.



COLOMBA SALATA

Vale a dire:
600 gr farina Manitoba *
350-380 gr di latte*
1 uovo + 1 tuorlo per spennellare
70 gr di strutto
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di sale
12 gr di lievito di birra fresco
speack a dadini
provolone a dadini
noci - semi di sesamo

*in base alla farina che userete varia anche la quantità di latte, io in casa avevo solo in W400 ed ho usato quella per cui ho dovuto usare più latte. Nella ricetta originale indicava una farina 00 e solo 300 gr di latte.

Nella ciotola della planetaria versare il latte (a temperatura ambiente) ed aggiungere il lievito di birra sbriciolato e lo zucchero. Azionare il gancio K e fare andare per qualche istante prima di aggiungere metà farina e l'uovo.
Alla restante farina aggiungere il sale prima di inserirla nella planetaria.
Lasciare impastare bene rigirandoun paio di volte l'impasto in modo che si impasti uniformemente.
Sostituire il gancio K con quello ad uncino e lentamente inserire lo strutto.
Lasciare andare la planetaria finchè non si sarà ottenuto un panetto omogeneo.
Mettere a lievitare coperto con pellicola fino al raddoppio dell'impasto.
A quel punto versare lo speack, il formaggio e le noci ed azionare nuovamente la planetaria per incorporare gli ingredienti. Io l'ho fatto a mano, perchè la planetaria era già all'opera per un altro lievitato.
Dividere l'impasto in due parti una più grande dell'altra (andate pure ad occhio, tanto poi lieviterà!!) e mettete l'impasto nello stampo da colomba.
Coprire con pellicola e lasciare lievitare per 30-40 minuti il tempo di portar eil forno alla giusta temperatura di 200°.
Trascorso il tempo spennellare la colomba con il tuorlo ed una bella spolverata di provolone grattugiato.
Via in forno portando la temperatura a 190° per 30- 35 minuti (se verso la fine vedete che inizia a colorarsi troppo in superficie per via del formaggio, coprite con della stagnola e continuate la cottura) ovviamente fa fede la prova stecchino!!!!
Lasciate raffreddare prima di tagliarla (non come me, ma ero troppo curiosa di vedere il centro)...e comunque ho già in programma di rifarla presto!!!!

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci





5 aprile 2017

TORTA TENERINA....E LA NOSTRA PIZZATA

Doveva essere la prima cena, poi si è trasformata in una pizzata, sempre molto gradita comunque....e terminata con questa tortina graditissima... 
E' proprio vero a volta basta poco per stare comunque bene ed anche l'informalità della serata è stata chiusa con un dolcetto...
Per cui posso proprio dire che è una torta adatta a tutte le occasioni e che aiuta anche a tirarsi su il morale.
Non credo abbia bisogno di tante presentazioni...


TORTA TENERINA

Vale a dire:
100 gr di burro
200 gr di cioccolato fondente
4 uova
80 gr di zucchero semolato
1 pizzico di sale
60 gr di farina

Sciogliere a bagnomaria o nel micro il cioccolato fondente con il burro, lasciare raffreddare poi inserire i tuorli e la farina.
A parte montare a neve gli albumi con lo zucchero ed un pizzico di sale ed incorporarli al composto di cioccolato.
Versare in una tortiera (diam.20-22) foderata di carta forno ed infornare con forno già caldo a 180° per 20 minuti circa.
Spolverare con zucchero a velo prima di servire.
Io l'ho accompagnata con una crema al mascarpone.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!

Braci&Abbracci

Un super grazie a Chiara che l'ha provata qui

27 marzo 2017

BULGUR E QUINOA...E QUELL'ABBINAMENTO CHE MI PIACE TANTO

E sempre per stare in tema di cucina sana, sempre grazie alle dritte della mia amica Vivi, ho deciso di prepararmi questi primo, leggero, ma di gusto.
Non immaginavo che poi l'abbinamento zucca/feta mi sarebbe così piaciuto da diventare il mio tormentone per i giorni a venire.
Peccato che ormai le zucche stanno terminando la loro stagione!!!




BULGUR E QUINOA CON ZUCCA, FETA E OLIVE TAGGIASCHE

Vale a dire:
1 confezione di bulgur/quinoa Pedon
zucca a cubetti q.b.
erbe provenzali
olive taggiasche q.b.
feta q.b.

Io mi trovo benissimo con i prodotti della Pedon, sono veloci da preparare, ma se preferite potete usare bulgur e quinoa che usate comunemente.
Mettere a bollire dell'acqua salata e contemporaneamente mettere i cubetti di zucca con una spolverata di erbe provenzali ed un filino d'olio in forno a 180° per 15 minuti circa.
Cuocere il bulgur e quinoa per i 10 minuti come indicato sulla confezione.
Intanto tagliare a cubetti la feta ed aggiungerci qualche oliva taggiasca.
Scolare il bulgur/quinoa e condirlo con la zucca al forno, la feta e le olive taggiasche.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!

Braci&Abbracci

16 marzo 2017

STRUDEL VELOCE VELOCE CON QUEL PIZZICO IN PIU'

Qualcuno di voi ancora non sa che adoro i dolci con le mele?
Ed allora ve ne schiaffo un altro...
Un dolcetto veloce direi che pizzica un po' la lingua per la presenza dello zenzero (che mi piace tatno...per cui credo d'aver esagerato un po' a metterlo!!!).
Lo so che lo strudel prevede la cannella, ma si potrà ogni tanto variare qualcosina nella vita?


STUDEL DI MELE CARAMELLATE E ZENZERO VELOCE

Vale a dire:
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
4 mele
zucchero di canna q.b.
1 pezzo di zenzero
uvetta ammollata in un po' di liquore all'arancia e acqua
pinoli tostati q.b.

latte e zucchero di canna
zucchero a velo per spolverare

Pelare le mele e tagliarle a pezzettoni, metterle in una padella con 2-3 cucchiaiate di zucchero di canna e cuocerle finchè non avranno buttato fuori tutta la loro acqua, girandole delicatamente per non romperle.
A fine cottura grattugiarci sopra lo zenzero a piacere.
Lasciare raffreddare bene, poi unire l'uvetta strizzata ed i pinoli leggermente tostati.
Stendere la pasta sfoglia lasciandola sulla sua carta forno e versarci al centro il composto di mele, uvetta e pinoli.
Chiudere arrotolandolo la pasta sfoglia, praticare dei piccoli tagli sulla superficie, spennellare con un po' di latte e spolverare con zucchero di canna e zucchero a velo.
Forno preriscaldato a 200° infornare per circa 20 minuti e comunque fino a doratura della superficie.
Spolverare nuovamente con zucchero a velo e servire caldo, tiepido o freddo (io lo adoro col gelato!)

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci

9 marzo 2017

I MIEI CANESTRELLI

Non sono fuggita, tanto meno ho deciso di abbandonare questo mio micro blog spazio dove posso dare sfogo alle mie elucubrazioni menteli o semplicemente postare qualche ricetta, magari anche condividendo con voi qualche foto che nella mucchia riesce un pochino meglio!!!
No...sono semplimente incasinatissima...
Incasinata, ma almeno spesso col sorriso...sì, ho ritrovato quel raggio di sole che da mesi e mesi non vedevo più nè dentro nè fuori e che forse iniziavo a sentirne davvero la mancanza ed il bisogno.
Ho forse finalmente iniziato a chiudere quel libro pesante che non riuscivo più a mandare avanti, per iniziarne uno nuovo....
Ma con calma, con molta calma...




I MIEI CANESTRELLI

Vale a dire:
250 gr di farina 00
250 gr di maizena
250 gr di burro
5 tuorli sodi
150 gr di zucchero a velo
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale
scorza di 1 limone bio

zucchero a velo per spolverare

Passare i tuorli sodi al setaccio per renderli farinosi e senza grumi e metterli direttamente nella planetaria. Aggiungere la farina, la maizena (va bene anche la fecola di patate), lo zucchero a velo ed i restanti ingredienti ed azionare la macchina finchè non avrete ottenuto un composto omogeneo.
avvolgerlo nella pellicola e metterlo a riposare in frigo per un'ora almeno.
Stendere sulla spianatoia leggermente infarinata l'impasto ad uno spessore di 1 cm e ricavare con l'apposito stampo a fiore i canestrelli (se non lo avete si possono dare anche altre forme, sono certa andranno mangiati ugualmente!).
Metterli su una teglia foderata di carta forno ed infornare a 170-175° per 20-25 minuti (i tempi dipendo dal forno), l'importante è che non scuriscano.
Toglierli, lasciarli raffreddare e spolverarli di zucchero a velo.

Il gioco è fatto, ed il piatto è servito!!
Braci&Abbracci

CROSTATA DI RISO

Questa crostata che ho vista da lei e mille volte mi sono detta “devo provarla”…ecco penso sia arrivato il momento per condividerla con vo...